Straordinaria Scampia

Nel nostro viaggio alla scoperta di Napoli abbiamo deciso di visitare un luogo celebre ma poco frequentato dai turisti, il quartiere di Scampia.

Abbiamo scelto questo quartiere per soddisfare le nostre curiosità: Scampia non vanta di una buona fama e spesso viene raffigurata come simbolo di degrado e criminalità. Ma non solo. Qualche mese fa abbiamo conosciuto una persona speciale, che sta provando a cambiare la situazione  a Scampia attraverso i suoi progetti: Rosario Esposito La Rossa. Rosario ha creato la “Scugnizzeria”, l’unica libreria del quartiere, che ospita uno spazio dove i ragazzi di Scampia possono divertirsi e imparare, attraverso corsi, giochi e attività varie. Ospiti della Scugnizzeria, abbiamo partecipato a un laboratorio di teatro diretto da Rosario, con il fine di avvicinare noi ragazzi al gruppo della Scugnizzeria.

Durante la gita abbiamo avuto modo di visitare quasi tutta Scampia, guidati da Rosario. La sensazione che ci ha suscitato questo quartiere non è quella con cui siamo partiti.

A tal proposito Rosario ci ha detto queste parole: “Quando vai a Scampia piangi due volte: una quando arrivi, per la paura, e la seconda quando te ne vai, perché l’hai vissuta veramente”.

Scampia non è sicuramente come la raccontano i giornali o le serie TV, al contrario è un quartiere in piena crescita, con tante persone pronte a ribaltare la situazione.

La cosa che ci ha più colpito sono state le Vele, gli edifici residenziali più famosi di Scampia, diventate purtroppo un malfamato simbolo del quartiere. Quando ci siamo passati a fianco, alcuni di noi erano stupiti e altri leggermente spaventati. È stato bello, però, scoprire che questo quartiere è qualcosa di più rispetto alle Vele: Scampia sa essere un posto bello e pieno di persone socievoli. È un quartiere in via di riqualificazione, come dimostrano la nuova stazione della Metro e i suoi celebri murales.

Siamo entrati in contatto anche con altre realtà durante i nostri giorni a Scampia: per esempio abbiamo visitato il Centro sportivo Maddaloni. Si tratta di un luogo dove i giovani del quartiere possono scoprire nuove passioni legate allo sport, fare amicizie, trovare ispirazioni e motivazioni per impegnarsi sempre di più.

Ma i luoghi di rinascita all’interno del quartiere sono numerosi: fra gli altri, abbiamo visitato anche il centro “Gridas”, che da anni supporta i giovani ragazzi del quartiere, che spinti da forti motivazioni, operano e si impegnano per cambiare Scampia.

Siamo rimasti piacevolmente colpiti da questa esperienza: si tratta ovviamente di un quartiere con alcuni problemi e aspetti critici, ma la voglia dei suoi abitanti e la determinazione di persone come Rosario stanno rendendo Scampia un posto fantastico e pieno di vitalità.